Atridi

Tanti anni fa, quando ero proprio un ragazzino e andavo in giro con un SI verde con le frecce che mi aveva regalato mio padre, e facevo ancora il pioniere, facevo lo studio al marito di una sorella anziana. Era un signore che aveva una certa età e  ricordo entrambi sempre con affetto. Faticavo moltissimo a tenere ancorato lui al libro di studio, perché divagava in continuazione. Era il nonno – il mondo è piccolo – di Pamela Villoresi, che fra qualche settimana porta in Teatro a Pistoia – teatro che è gestito dall’associazione di cui sono orgoglioso e non remunerato (grazie Tremonti) vicepresidenteAtridi. Se siete in zona vale la pena, la Villoresi è bravissima e Sebasti, con il quale lavora ormai da un po’, anche. Il buon Panici è una garanzia. Insomma, lo spettacolo non l’ho ancora visto (in Toscana debutta il 22 ottobre, appunto), ma mi fido di quella squadra. E niente, era per dire che i punti di vista cambiano. Cambiano parecchio, nel giro di vent’anni. Ma come dice San Jobs i puntini li unisci dopo.

Posted by Emidio Picariello on October 13th, 2011 | Filed in ospiti, storia, varie ed eventuali | Comment now »

Leave a Comment

AWSOM Powered