Sesso di colpa

Strict religions such as Mormons ranked highest on the scale of sexual guilt. Their average score was 8.19 out of 10. They were followed closely behind by Jehovah’s Witness, Pentecostal, Seventh Day Adventist, and Baptist.

I ricercatori hanno rilevato come i mormoni si trovino al primo posto nella “scala di colpa sessuale”. Il loro punteggio medio è di 8,19 su 10. Sono seguiti a ruota da Testimoni di Geova, i Pentecostali, Avventisti del Settimo Giorno, e Battisti.

Voi pensate che casomai io abbia voglia di scherzare su questo studio, invece intendo parlarne brevemente ma seriamente. No, perché, son quelle cose che ho cercato lungamente di spiegare quando ho parlato di senso di colpa che ha a che fare tutto quello che riguarda la sfera sessuale. Andiamo a vedere che cosa dicono le riviste dei Testimoni di Geova:

Per esempio quando aveva solo 17 anni Cherie si lasciò andare a carezze intime con un ragazzo. Pensava di amarlo. A distanza di anni prova ancora rimorso per ciò che ha fatto. Dice con rammarico: “Prendevo alla leggera le verità bibliche e ne ho pagato le conseguenze. Ho perso il favore di Geova ed è stato tremendo”. Sullo stesso tono, una ragazza che si chiama Trish ammette: “Fare sesso prima del matrimonio è stato lo sbaglio più grande della mia vita. Farei qualunque cosa per tornare vergine”. Le ferite emotive possono durare anni, causando stress e angoscia.

L’associazione fra sesso e “errore tremendo”, definire il sesso come “lo sbaglio più grande della vita” vi consente di immaginare quale idea del fare l’amore si costruisce nella mente dei ragazzi che crescono in questo ambiente. Addirittura la masturbazione è normale che produca sensi di colpa (non esagerati, però, eh) , secondo la dottrina dei Testimoni:

Come abbiamo già visto, chi ha il vizio della masturbazione spesso è tormentato dai sensi di colpa. Senza dubbio, essere ‘triste secondo Dio’ può darti l’incentivo per toglierti il vizio. (2 Corinti 7:11) Esagerati sensi di colpa, però, possono essere controproducenti. Possono farti sentire così scoraggiato da volerti arrendere. — Proverbi 24:10

Si potrebbe eccepire quindi che se la relazione fra cattivo sesso e senso di colpa è legata solo al peccato allora i testimoni di Geova sposati fanno del buon sesso. Purtroppo non è così semplice. Innanzi tutto questo meccanismo porta al matrimonio privi di qualunque esperienza o con un’esperienza condizionata dal senso di colpa e dalla punizione, appunto. Poi il senso di colpa per il sesso, una volta immaginato o provato non è così facile da disassociare (sic!) dal sesso. Insomma, passate tutta l’adolescenza a pensare che il sesso e la masturbazione siano errori tremendi, sposatevi giovani per non cadere nel peccato, senza nessuna esperienza. Vi aspetta una vita sessuale felice, sicuro.

Via InfotdGeova

Posted by Emidio Picariello on May 25th, 2011 | Filed in credenze, storia | 74 Comments »


74 Responses to “Sesso di colpa”

  1. MatteoS Says:

    Non ho capito una cosa: Bigolo, ma tu hai 50 anni? E a 50 anni hai bisogno del parere di qualche sconosciuto su un forum per decidere come e se affrontare un problema all’interno della tua relazione?

    Inoltre, capisco il volersi candidare al premio Sherlock Holmes 2011 – ma affermazioni tipo:

    Ecco che mi tornano tanta cose……..lei mi diceva che aveva la sensazione di essere seguita e ultimamente ne era certa………1+1=2 erano loro

    un po’ fanno sorridere – soprattutto se non suffragate da fatti successivi (es. lei ha scoperto che a pedinarla c’era davvero qualcuno).

    Purtroppo, come spiega Maria P. nel post successivo, spesso in situazioni simili è la propria mente che fa brutti scherzi – spinta da sensi di colpa / paure / debolezze.

  2. Stefano Says:

    # “Maria P”

    la storia dell’abuso subito di cui racconti è di quelle che ti fan venir la voglia di prendere questi figli di puttana, bigotti e puritani, per le palle, portarli nelle pubbliche piazze davanti all’intera popolazione, urlare davanti a tutti (come sana tradizione giacobina) le idee sessuofobiche di merda di questi “educatori della buona novella” seguite dalla denuncia pubblica della loro opera di sfruttamento e violenza nei confronti delle loro vittime. Quindi procedere con la battitura della loro spina dorsale fino alla paraplegia, tra gli applausi dei presenti.

    Fa venir la voglia, appunto. Ma sarebbe una voglia sbagliatissima.

    Bisogna invece agire con determinazione lucida.

    L’importante è il risultato: oltre al risarcimento nei confronti della vittima, lo sputtanamento pubblico di questi reazionari maschilisti eunuchi. Con tanto di nome e cognome. Accanto al nome del colpevole, denunciare pubblicamente anche i nomi e cognomi di coloro che hanno coperto l’azione del bastardo con la solita scusa di Dio e del Cristo e della “Chiesa” (o congregazione) del “popolo redento” che deve essere protetta dalla cattiva pubblicità…

    Per cui, ti porgo una domanda (se avrai voglia di rispondere):
    perchè non ti sei rivolta ad’una associazione femminista? ti potrebbe dare sostegno legale (anche gratuito) oltre che psicologico e solidarietà di genere.

    Bisogna stanare questi pusillanimi dalle loro catacombe settarie per ratti sfigati. Essi sono forti solo in quei ambienti. Perchè coloro che vi stanno dentro gli delegano potere per conoscere le “condizioni” della redenzione divina… fuori da quelle coordinate, nelle pubbliche piazze, se indicati con nome e cognome i loro misfatti questi figuri si cagano nelle mutande. Sono forti con i deboli e cagasotto con i forti. Ecco ciò che chiamano “virtù spirituale”.

    Ciao, e piena solidarietà da un militante del movimento operaio e femminista

  3. bigolo Says:

    @ MatteoS:
    caro M;atteo..innanzitutto ciao.
    vedo che non disdegni di sparare sullacroce rossa poiche’ noto toni molto pacati nei confronti dell’admin che sicuramente di tdg ne capisce piu’ di noi ma sei molto derisorio di chi ha a che fare con queste persone NOSTRO malgrado.
    vedi il fatto di non conoscere una cosa(leggi tdg e loro modo ossessivo di interpretare la bibbia) fa si che persone che hanno anche 50 anni ma l’umilta’ di voler capire fino dove puo’ centrare la persona amata e dove possano arrivare i cosidetti “buoni” fratelli affiche un legame forte di 5 anni vada a ramengo……a differenza di lei che ha mollato capri e cavoli x seguire questa massa di esaltati io cerco di lottare..perche’ l’amore e’ amore..poi se veramente rifletto…..devo seguire maria e il ns admin xche’ l’evidenza della realta’ e’ questa…mi ha lasciato…e basta..ma allora non ti viene da fare un ragionamento…e’ giusto uccidere un amore solo xcheci sono persone che approfittano dei deboli e delle persone fragili?????Gesu’ ci insegna diversamente mi sembra

  4. admin Says:

    Però Bigolo, Matteo ha ragione: sei grande abbastanza per prendere le tue decisioni. Qui volentieri ti ascoltiamo, ti diamo una pacca sulla spalla, ti consoliamo anche se ci riesce, ma ti diamo anche una scossa, se ci pare sia necessario. Certo non possiamo decidere al posto tuo. Io non ho mutato la mia idea, alla luce delle cose nuove che hai raccontato: mi pare che questa donna abbia problemi che prescindono la vostra relazione.
    La mia psicologa diceva che non puoi avere una persona se non sei disposto a perderla, ovvero che qualunque tentativo di cambiare l’altro per adattarlo alla propria fantasia è fallimentare. Qui hai capito come funzionano i tdG. La donna che ami li preferisce a te e li considera normali, anzi, funzionali e giusti per sé. Sembra quasi – non prendertela, ti dico solo la mia impressione – che tu voglia sentieri dire qualcosa come “tieni duro”. Ma non è così semplice. Io ti posso solo dire: stai attento a quello che provi, non confondere mai la realtà con quello che vorresti fosse reale.

  5. bigolo Says:

    grazie Emidio….

  6. MatteoS Says:

    Aggiungo (e parlo per esperienza diretta): nella vita non puoi “salvare” nessuno se non vuole essere salvato.
    Fino a quando lei non comprende (e non è detto che lo farà mai – e se lo farà sarà la cosa più difficile della sua vita, probabilmente) che è in qualche modo soggiogata psicologicamente dai tdg, tu non potrai fare praticamente nulla per aiutarla.
    Il giorno che – nel caso arrivi quel giorno – lei comprenderà che ha bisogno di aiuto per uscirne, allora SI che potrai aiutarla.

    Ma fino a quel momento…

  7. bigolo Says:

    @ MatteoS:
    grazie Matteo——sono d’accordo prefettamente..e infatti mi sto comportando di conseguenza cosi’ da un paio di giorni….

  8. bigolo Says:

    @ MatteoS:
    ciao a tutti…rieccomi qui..la mia ex mi ha telefonato..ci siamo visti..e’ l’ombra dii se stessa dice che le manco..che mi ama …ma che e’ una sorella nel cuore..mi ha assicurato che non ha parlato con nessuno della sala del regno e che il problema e’ solo suo..non ha pressioni..che non trova G. dentro di lei…mi ha chiesto di aiutarla…proprio ora che faticosamente e lentamente ne stavo uscendo…per mia morale personale ein nome deigli anni spesi con lei l’aiutero’….ma non so dove indirizzarla..un amico mi ha detto di presentarmi alla sala e di minacciarevi tgd di farsi carico della cosa visto lo spappolamento mentale che le hanno procurato…visto la vs esperienza diretta che cosa mi consigliate..dove portarla..temo x la sua incolumita’…grazie

  9. MatteoS Says:

    Davvero, mettiti in testa che i pericoli che lei corre non sono quelli di venire picchiata o altro.
    Quindi, basta toni allarmisti tipo “temo per la sua incolumità”.

    I pericoli sono di natura psicologica ed emotiva.
    E se vai a minacciare qualcuno – non solo ti becchi una denuncia come da legge italiana – passi dalla parte del torto.

    La cosa migliore che puoi fare, a mio avviso, è metterla di fronte a una scelta: o tu o loro.
    E che decida.
    Ma, falle presente, che non si torna indietro. Se sceglie loro, non ti deve + cercare.
    Se sceglie te, non deve più tornare da loro.

  10. Emidio Picariello Says:

    Infatti, ha ragione Matteo. Ora lei se ne sta approfittando, se mi concedi di essere brutale. Se vuole Geova, non può avere te, se vuole te, non può avere Geova. Le persone grandi a un certo punto scelgono, ma io credo che non sia giusto nei tuoi confronti questo comportamento e che tu non debba più accettarlo. Ma sono i miei due centesimi e prendili per tali.

  11. Maria P Says:

    @ bigolo:

    mi spiace doverti dire che condivido con matteo e con l´admin!

    Se veramente vuole essere aiutata puó rivolgersi a un psicologo!

    Ripeto .. i problemi che LEI ha, li puo risolvere solamente LEI !!

    Credo che a questo punto dovresti iniziare a pensare a te!

    vi auguro una buona giornata 🙂

  12. bigolo Says:

    due centesimi quando uno in bollertta sono sufficenti a comprare un bicchiere di acqua se uno ha sete..pertanto voglio ringraziarvi x l’aiuto che mi state dando.
    caro matteo l’incolumita’ di cui parlavo e’ mentale xche’ durante una crisi di ansia diceva che aveva pensato a brutte cose…le hp preso appuntamento da uno psichiatra x lunedi,le ho dato comprensione e mi sono messo da partele ho detto che mi fara’ sapere cosa decidera’ quando avra’ le idee + chiare e ora cerchero di pensare a me…anche se a questo punto in cuor mio spero che decida di stare nei tdg…..xche’ il mio amore e’ stato oscurato x dei sentimenti causati dai suoi 25 anni di lavaggio mentale e credo che non potrebbe + ritornare come prima…vi abbraccio e vi faro sapere

  13. fabio Says:

    @ bigolo:

    Ecco cosa insegna Gesù a te alla tua fidanzata, non solo ai testimoni di Geova
    (Matteo 19:4-5) 4 Rispondendo, egli disse: “Non avete letto che colui che li creò dal principio li fece maschio e femmina 5 e disse: ‘Per questo motivo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due saranno una sola carne’?

  14. fabio Says:

    ….@ Stefano:

    …diciamo piuttosto che il concetto di libertà va bene fin quando la chiediamo per noi stessi non quando dobbiamo concederla agli altri.

    Vorrei farti io una domanda: perchè non concedi a coloro che sono in questa presunta contrapposizione con Maria la possibilità di difendersi? Perchè non ti fai dare in privato nome e cognome e vai a parlarci? Mi sembra troppo facile fare processi con la tastiera del computer, non ti sembra?

  15. fabio Says:

    @ Ponga:
    …ma di che cosa stai parlando…..??????

    Seguire, spiare….mi sembra tu e gli altri abbiate visto un un film della saga di Jason Bourne….

    Sveglia ragazzi….!!!!!

  16. Stefano Says:

    # Fabio
    (Ho visto solo adesso il tuo post.)

    Il mio intervento (1 agosto 11:41) era riferito – pur partendo ovviamente dal fatto concreto citato da “Maria P” – a tutta la merda ipocrita sessuofobica e maschilista che sta dentro le dottrine confessionali particolarmente sessuofobiche. Da qualsiasi confessione esse siano implementate. E sono quegli ambienti religiosi di quel tipo dove l’inferiorità pratica della donna (e dei minori) rappresenta l’altra faccia della sessuofobia che conferma il dato di fatto che: più c’è bigotteria e più vi sono pedofilia e abusi sesuali vari.

    Se tu hai argomenti per difendere gli aggressori sessuali del caso di “Maria P” dovresti parlare con lei. Visto, se non sbaglio, che lei stessa alla mia domanda “…(se avrai voglia di rispondere):
    perchè non ti sei rivolta ad’una associazione femminista?…” ha declinato di replicare, e quindi io rispetto la sua volontà.

    Cosa significa poi questo periodo che hai scritto:
    “il concetto di libertà va bene fin quando la chiediamo per noi stessi non quando dobbiamo concederla agli altri.”

    Cioè, concedere il diritto di abuso sessuale se questi “altri” sono nel “santo cammino della Verità di Dio?….

    Comunque, per il futuro, firmati con il tuo nome e cognome per intero se vuoi interlocuire seriamente con me, specie se vuoi alzare il livello del contradditorio. Altrimenti devo considerarti il solito bigotto cagasotto.
    Non avrai mica paura di associare pubblicamente la tua identità alla tua anticipata difesa di abusatori sessuali benedetti da Dio, no?

    Che uomo sei? invochi potestà d’imperio su moglie e figli -sulla base della “decretazione divina” – e poi in un luogo di pubblica discussione ti rifugi dietro il culetto di “gesù bambino”? Che figura ci fai? Mi sembra troppo facile utilizzare la tastiera del Pc e internet in maniera anonima proprio come una fogna virtuale come ratti bastonati che si rifugiano nel buio se scoperti troppo in campo aperto, non ti pare?

    Tra l’altro, le tue parole mi hanno ricordato quelle di uno zelante cattolico che difende i preti pedofili. Non sarà mica una “malattia” comune agli operatori confessionali fondamentalisti?…

    Stefano Seguri

  17. Maria P Says:

    @ fabio:
    per quale motivo simpatizi con i pedofili?

  18. fabio Says:

    Maria P scrive:

    @ fabio:
    per quale motivo simpatizi con i pedofili?

    </blockquote
    …ma che cosa dici…

    Se hai prove serie e circostanziate (e te lo auguro) vai dalla polizia e fallo schiaffare in galera, non fare processi da tastiera ma passa ai fatti…..i pedofili con gli abiti lunghi, lo sai bene, stanno altrove….

  19. fabio Says:

    @ Stefano</b

    Innanzitutto aborrisco gli abusi sessuali e la pedofilia; tali aberrazioni sono apertamente condannate nella Parola di Dio, la Bibbia, e con questo chiudo l'argomento non avendo cognizione dei fatti denunciati in questo post. Tale posizione, naturalmente, è la posizione della congregazione cristiana dei Testimoni di Geova, checchè ne dica admin.

    Per le altre cose che scrivi, sinceramente non ti capisco, se ti spieghi meglio tralasciando paroloni e facendo domande/affermazioni semplici che pongano interrogativi o facciano capire veramente quello che pensi: piccola provocazione, sei forse a favore delle unioni gay e del diritto di queste coppie di adottare bambini……?

  20. MatteoS Says:

    Per carità: cosa centrano le unioni tra gay con il discorso sui pedofili?
    Spero bene che una persona civile e moderna sia disposta ad accettare un matrimonio tra omosessuali e il loro diritto ad avere una prole.
    A differenza dei tdg che considerano l’omosessualità una malattia…

  21. Emidio Picariello Says:

    No, Fabio, ascoltami bene perché te lo ripetero una volta soltanto: qui si discute, anche animatamente. Ma una persona che facendo violenza alla propria memoria racconta le cose che ha raccontato Maria qui non si tratta come l’hai tratta tu. Puoi dire quello che vuoi, ti concedo anche affermazioni razziste come quella che alla quale ha risposto MatteoS (che poi sarebbe come scrivere “sei forse a favore delle unioni fra neri e bianchi e del diritto di queste coppie ad adottare i bambini?”, ma se vuoi affrontare questo argomento c’è un post apposito e possiamo parlarne lì). Puoi fare quello che vuoi, ma se ti permetti di aggredire di nuovo una vittima di pedofilia che racconta la sua storia qui solo per difendere l’immagine perfetta della tua religione ti banno dal sito.
    Fra l’altro io anche ho raccontato la stessa storia ma con protagonisti diversi, perché è una storia che è accaduta a persone che conosco. Ci sono preti pedofili ci sono anziani pedofili. Studi sulla pedofilia hanno correlato i testimoni di Geova a questa pratica più che i cattolici, più che qualunque altra religione del mondo. Se non ci credi dì che non ci credi SENZA aggredire Maria o nessun altro su un argomento così delicato. Spero di essere stato chiaro. E’ un limite che a casa mia non si può superare.

  22. Stefano Says:

    @ Fabio

    Sì sono per le unioni gay e lesbiche e il loro diritto di adottare bambini.
    Qual’è il problema? Esiste forse un problema oggettivo che dovrebbe impedire queste cose? Se esiste, puoi descriverlo? Lo sai che hai le stesse posizioni del vatikano?
    Di più: i tuoi preconcetti sessofobici ricordano le campagne razziste dei fascisti. E pensare che in Bulgaria, di recente, gruppi nazionalfascisti spaccavano la testa ai Tdg, eppure entrambi i gruppi sono contro le unioni gay, l’aborto, il femminismo…che la loro sia una guerra tra competitors religiosi? Dalle tue parole sembra emergere questo.

    PS – e quali sarebbero i miei “paroloni”…? me li indichi?

    PPS – E torno a ripeterlo. O posti il tuo cognome se vuoi continuare il confronto con me o ti considero un cagasotto bigotto che si rifugia nelle catacombe come i ratti e ha paura di esporre le sue idee sottoscritte dalla sua identità. Però con la scusa del suo “gesù” impera su moglie e figli…e si caga adosso nei luoghi di pubblico confronto…che grand’uomo…
    Hai paura di perdere il lavoro o di non trovarlo se posti il tuo nome e cognome?
    Questo “Geova” sembra sceglierli proprio virtuosi e virili…Dai, omone coraggioso che vivrà in eterno, esci fuori dal tuo anonimato, fai vedere che gli immortali non temono nessuno….

    Stefano Seguri

  23. Ponga Says:

    @Fabio:
    Forse ti riferisci a questo mio commento:
    “non avevo mai sentito di gente che segue e spia, ma posso benissimo immaginarlo, proprio nel caso di una famiglia e di una comunità particolarmente chiuse e bigotte. Questo per quanto riguarda i metodi da KGB: per quanto riguarda il pedofilo invece, e’ vero che sono ovunque, ma una società per la quale il bene del singolo e’ subordinato a quello della comunità e condizionato dalla esigenza di conservare una buona reputazione collettiva, in un ambiente così, i pedofili ci stanno meglio.”
    Non metto in dubbio neanche per un attimo quel che racconta Maria, che è il “seguire e spiare” al quale faccio riferimento nel commento. Come trama di un film mi sembra povera. Be’, l’azione è povera, potrebbe essere più un film drammatico. Il padre anziano ha chiesto a dei zelanti fratelli di controllare che la figlia non si fosse traviata. O uno scenario simile, non solito, ma possibile. Possibile visto il grado di controllo che esiste nelle congregazioni. Se stai per dire che non c’è nessun controllo, ti chiedo di fare un esperimento: vai ad alcune adunanze di seguito con la barba di tre giorni. Dopo quante adunanze sarai avvicinato da un anziano che di chiederà gentilmente conto della tua trascuratezza? Puoi chiamarlo con nomi teocratici, ma questo è controllo. Può esserci in minore o maggior misura, a seconda del carattere degli anziani nelle varie congregazioni. Così, che qualcuno fosse un po’ più maleducato e invadente di altri non mi meraviglia, non mi sembra un film e sì, sono già sveglia, grazie.

  24. Maria P Says:

    @ fabio:
    scusa, non hai risposto alla mia domanda .. per quale motivo simpatizi con i pedofili? solo perche lui è tdg? lo faresti anche se la persona in questione fosse un prete o un gay?

    “Se hai prove serie e circostanziate (e te lo auguro) vai dalla polizia e fallo schiaffare in galera, non fare processi da tastiera ma passa ai fatti…..i pedofili con gli abiti lunghi, lo sai bene, stanno altrove….”

    “processo da tastiera” solo perche racconto qui la mia storia? oppure perche la persona di cui parlo è un tdg?

    dai passiamo ai fatti – te che ne sai che i pedofili sono solo quelli dagli abiti lunghi? e quali prove hai che stanno SOLO altrove e non TRA i tdg?? e se fosse veramente cosi .. l´ammetteresti o parleresti d´un caso unico?

Leave a Comment

AWSOM Powered